Le Cesarine

Menu

  • Involtini di prosciutto con cuore di radicchio rosso all’Amarone su fonduta di Monte Veronese
  • Tajadélete in brodo con fegadìni e rigaglie di gallina
  • Bollito con salse pearà e krén
  • Torta sbrisolòna veronese innaffiata all’amarone

Accurata selezione di vini locali

Descrizione

Per inaugurare questo viaggio nei sapori della tradizione, Aristide si affida al “principe dell’inverno veronese”: il radicchio rosso. Quest’ortaggio dal sapore intenso e amaro impreziosisce infatti l’antipasto proposto dal nostro Cesarino: involtini di prosciutto di Soave al forno su fonduta di Monte Veronese, formaggio tipico della zona dal gusto dolce e delicato.

Proseguiamo con delle saporite tagliatelle in brodo fatte in casa, con fegadini e rigaglie di gallina serviti a parte, anche se l’attesa è tutta per il secondo. Ad accompagnare il bollito misto di tagli di carne magra e cotechino troviamo due specialità della cucina di Aristide. Da una parte la famosa salsa pearà, una cremosa salsa pepata, a base di pane raffermo, brodo, midollo di bue e pepe, che fornisce un risultato aromatico e piccante, ma al tempo stesso delicato e il krén, realizzato a partire dal rafano, radice che cresce spontaneamente in pianura e in montagna a bassa quota.

In conclusione, la torta sbrisolòna veronese: un dessert che deve il suo nome alla friabilità del suo impasto, e la cui ricetta girava a Verona già all’inizio del ‘600. A differenza dell’omonimo dolce napoletano, la torta veronese viene impreziosita dalle mandorle e dalla grappa Amarone, un distillato locale ricavato dalla distillazione delle sue vinacce, conferendo un gusto sublime e originale.

Servizi

  • Partecipa alla preparazione dei piatti

  • Assenza di barriere architettoniche

  • Opzione menu vegetariano

Soave è un paesino ai piedi dei monti Lessini, a metà strada tra Verona e Vicenza. Un borgo piccolo ma dalla storia millenaria, come testimoniato dalla cinta muraria che circonda il centro e dal prezioso castello Scaligero, che offre un’incantevole veduta sul lago di Garda e su tutta la pianura Padana.

Aristide ci accoglie nella sua bella casa a poca distanza dal centro. Per lui cucinare rappresenta una vera passione, coltivata fin da quando era giovane. Il suo amore per i fornelli sboccia infatti durante il servizio di leva, quando faceva il piantone in caserma e doveva cucinare per tutti i commilitoni: «In quelle occasioni – ci racconta- anche il Comandante in persona scendeva dal suo alloggio al piano di sopra e portava le vivande a casa per tutta la famiglia». Una passione che ancora oggi esprime attraverso le sue ricette, espressioni di una tradizione gastronomica ricca e saporita: quella della tavola veronese.  

Il segreto della Cesarina
In cucina anche gli utensili hanno una loro importanza. Io ho una vera passione per forchette e coltelli, e amo collezionarli.

Le Cesarine a casa tua

Questa Cesarina è disponibile anche per organizzare un'Esperienza di gusto a casa tua

Richiedi informazioni
QUI MAPPA