Per migliorare l'esperienza d’uso presente e futura di questo sito facciamo uso di cookies. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies Leggi l'informativa completa.

Accetto

Le Cesarine

Il sapore della storia piemontese

Alessandria / Piemonte

La Cesarina

Aurelia è nata e cresciuta in Friuli, ma ben presto sceglie di trasferirsi in Piemonte, sulle tracce del passato familiare. Approda infatti ad Alessandria, luogo d’origine della madre che è diventato terra d’adozione anche per la nostra Cesarina. Una città che ha letteralmente rapito Aurelia, affascinandola con secoli di storia restituiti dall’architettura dei palazzi settecenteschi.

Storia che si riflette anche nella tradizione culinaria locale, assorbita dalla nostra Cesarina passo dopo passo, piatto dopo piatto, in un viaggio nel passato della propria famiglia e di queste zone. Sulla sua tavola, infatti, non mancano mai gli elementi tipici della cucina piemontese, nata dall’incrocio tra le due culture tipiche del territorio: quella nobile di casa Savoia e quella povera ma sostanziosa della realtà contadina.

Il segreto della Cesarina
Sulla mia tavola si incontrano ricette della mia famiglia e piatti della tradizione piemontese

Menu

  • Zucchine in salsa tonnata
  • Rabaton verdi
  • Pollo alla Marengo
  • Insalata dell’ortolano del Tanaro
  • Baci di Dama con salsa al Moscato
  • Salsa al Moscato con fragole di Tortona


Accurata selezione di vini locali

Descrizione

Il menu si apre con una tipica specialità locale: la salsa tonnata, che la nostra Cesarina utilizza per condire le zucchine, servendo così un antipasto semplice ma ricco di sapore. Le tonalità della tradizione contadina permangono anche nel primo piatto, che ha origini pastorali. Stiamo parlando dei rabaton verdi, piccole polpettine di verdura dorate al forno, il cui impasto viene ottenuto unendo la freschezza della ricotta alle tonalità vivaci delle erbette di campo e alla farina bianca.

A seguire, un piatto legato alle gesta di Napoleone. Il pollo alla Marengo prende infatti il nome dalla storica vittoria del condottiero francese, e rappresenta ormai un secondo tipico del Piemonte. L’accostamento di sapori, in questo caso, è molto parecchio variegato: la carne viene infatti arricchita dalle tonalità dei gamberi di fiume e del vino bianco. Come contorno, Aurelia sceglie un’insalata dell’ortolano del Tanaro, antica ricetta che unisce ai porri dolci il tonno, le uova sode e un cremoso formaggio robiola.

Infine, il dessert. In tavola arriva un dolce tipico della zona: i baci di Dama con salsa al Moscato, semisfere di pasta frolla farcite con cioccolato fondente, accompagnate dalle fragole fresche di Tortona, una vera specialità locale.


Servizi

  • Opzione menu vegetariano

  • Presenza di animali domestici nella casa

QUI MAPPA

I nostri clienti dicono

"E' stata una delle migliori esperienze a Bologna. Gianni e Lorenza sono una coppia che ha viaggiato molto, più o meno della nostra età e molto di intrattenimento. Parlavano inglese perfettamente avendo vissuto in Canada per diversi anni. Gianni ci ha insegnato a prepare i tortellini che poi abbiamo mangiato a pranzo. Gianni è un ottimo cuoco e tutto il pranzo è stato eccellente. La casa è situata in un palazzo medievale che vale la pena vedere. Ci siamo davvero divertiti."

J. Bliss

"La nostra cena con Angela è stata una delle migliori esperienze avute a Roma. Il cibo era fantastico, ed è stato un piacere parlare di ricette, di vita quotidiana, di lavoro e tante altre cose con Angela e sua madre. Questa esperienza sarebbe stata impossibile senza Le Cesarine!"

D. White

"Un pranzo fantstico con Tania (30 minuti dal centro di Bologna). Ci ha ospitato in modo ottimo ed era veramente incantevole. Abbiamo apprezzato molto il suo corso tradizionale (antipasti,strozzapretti con salsiccia, brasato al limone) talmente tanto che la raccomanderemo di sicuro. L'atmosfera era rilassata ed è stato semplice guidare fino alla sua casa. Torneremo!"

J. Hüsser