Per migliorare l'esperienza d’uso presente e futura di questo sito facciamo uso di cookies. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies Leggi l'informativa completa.

Accetto

Le Cesarine

  • 4min
    10max

Quando Roma incontra la cultura ebraica

Roma / Lazio

€ 63,00 a persona

€ 63,00

a persona

Prenota Ora
Prenota Ora (Cena) Prenota Ora (Pranzo)

Menu

  • Crostini con le alici
  • Rigatoni all'amatriciana
  • Stufato di vitello con le cipolle
  • Piselli con il prosciutto
  • Cicoria saltata
  • Crostata di ricotta e visciole
  • Amaretti



Accurata selezione di vini locali

Descrizione

La cucina di Flavia si rifà alle origini della sua famiglia, per metà piemontese e per l’altra metà semite. E per capire quanto la nostra Cesarina sia attaccata alla tradizione, basta aspettare l’antipasto. In tavola arrivano infatti i crostini con le alici, un piatto particolarmente diffuso nel ghetto ebraico dal gusto semplice ma sublime.

Come primo, invece, un grande classico della cultura romana: i rigatoni all’amatriciana. L’elemento che caratterizza questa squisita ricetta è il condimento: il sapore intenso del guanciale e del pecorino romano incontra le note di gusto dei pomodori e del vino bianco, per un risultato a dir poco succulento. Si prosegue sempre nel solco della tradizione, visto che per il secondo Flavia si affida ad uno stufato di vitello con le cipolle, mentre per il contorno sceglie i piselli al prosciutti e la cicoria saltata.

Per concludere, Flavia propone una crostata di ricotta e visciole, piccoli frutti rossi che nascono nella campagna laziale. Questo dolce è particolarmente legato alla tradizione ebraica romana, e viene servito in compagnia dei tipici amaretti, sfiziosi dessert a base di mandorle.

Servizi

  • Partecipa alla preparazione dei piatti (+8€ per persona)

  • Opzione menu vegetariano

  • La Cesarina parla inglese

Flavia ci accoglie nella splendida Roma, città eterna dall’inestimabile patrimonio storico e artistico. La casa della nostra Cesarina si trova nel cuore del centro storico, a pochi passi dallo stupendo parco di villa Borghese e non troppo distante dalle Terme di Diocleziano. Gli antenati della nostra Cesarina, piemontesi, si sono trasferiti nella capitale dopo la nascita del Regno d’Italia, anche se Flavia non dimentica certo di avere anche origini ebraiche.

Anzi, la sua Cucina prende spunto proprio dalla fusione tra la tradizione giudaica e quella romana: un sodalizio, ci spiega, «che ha creato un matrimonio fortunato e inscindibile, riuscito soprattutto grazie alla genuinità culinaria delle due culture».

Il segreto della Cesarina
I miei antenati hanno origini piemontesi ed ebraiche: nei miei piatti si avverte la fusione tra queste tradizioni e la cultura romana.

Le Cesarine a casa tua

Questa Cesarina è disponibile anche per organizzare un'Esperienza di gusto a casa tua

Richiedi informazioni
QUI MAPPA

I nostri clienti dicono

"E' stata una delle migliori esperienze a Bologna. Gianni e Lorenza sono una coppia che ha viaggiato molto, più o meno della nostra età e molto di intrattenimento. Parlavano inglese perfettamente avendo vissuto in Canada per diversi anni. Gianni ci ha insegnato a prepare i tortellini che poi abbiamo mangiato a pranzo. Gianni è un ottimo cuoco e tutto il pranzo è stato eccellente. La casa è situata in un palazzo medievale che vale la pena vedere. Ci siamo davvero divertiti."

J. Bliss

"La nostra cena con Angela è stata una delle migliori esperienze avute a Roma. Il cibo era fantastico, ed è stato un piacere parlare di ricette, di vita quotidiana, di lavoro e tante altre cose con Angela e sua madre. Questa esperienza sarebbe stata impossibile senza Le Cesarine!"

D. White

"Un pranzo fantstico con Tania (30 minuti dal centro di Bologna). Ci ha ospitato in modo ottimo ed era veramente incantevole. Abbiamo apprezzato molto il suo corso tradizionale (antipasti,strozzapretti con salsiccia, brasato al limone) talmente tanto che la raccomanderemo di sicuro. L'atmosfera era rilassata ed è stato semplice guidare fino alla sua casa. Torneremo!"

J. Hüsser