Per migliorare l'esperienza d’uso presente e futura di questo sito facciamo uso di cookies. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies Leggi l'informativa completa.

Accetto

Le Cesarine

  • 2min
    6max

Tra Roma e Viterbo, i segreti della cucina laziale

Roma / Lazio

€ 48,00 a persona

€ 48,00

a persona

Prenota Ora
Prenota Ora (Cena) Prenota Ora (Pranzo)

Menu

  • Tortino ai carciofi romaneschi e ricotta romana
  • Mezze maniche cacio e pepe
  • Polpette di chianina
  • Patate al finocchietto selvatico
  • Pane di Lariano
  • Pane di grano saraceno fatto in casa
  • Tiramisù alla romana
Tutti i piatti e le ricette possono anche essere preparati nella versione senza glutine


Accurata selezione di vini locali

Descrizione

Massimo ci accoglie nel cuore della città eterna con uno squisito tortino ai carciofi romaneschi e ricotta romana. Un antipasto che rappresenta una perfetta sintesi della tradizione capitolina, quasi un inno ai prodotti locali: all’ortaggio “simbolo” di Roma che si combina deliziosamente con questo formaggio al tempo stesso delicato e saporito.

Proseguiamo poi con un altro grande classico della cucina laziale: in tavola arrivano le mezze maniche cacio e pepe, un primo piatto tanto semplice quanto gustoso. Il secondo, invece, rivela l’influenza viterbese che il nostro Cesarino ha ereditato dal lato materno della famiglia. È infatti il momento delle polpette di chianina, carne dal gusto deciso che viene esaltato dal condimento, affidato alle patate al finocchio selvatico e al pane di lariano e dal pane di grano saraceno.

Per finire, un dessert che ci riporta nella città eterna: il tiramisù alla romana, preparato con ricotta del posto. Una variante originale e squisita, l’ideale per chiudere al meglio quest’Esperienza culinaria all’insegna della tradizione romana.

Servizi

  • Partecipa alla preparazione dei piatti (+8€ per persona)

  • Opzione menu vegetariano

  • La Cesarina parla inglese

  • Assenza di barriere architettoniche

Massimo abita appena al di fuori di Porta Pia, luogo passato alla storia come uno dei simboli dell’Unità d’Italia e di Roma. In questo angolo storico della città eterna, nel quartiere Salario, possiamo ancora ritrovare tutto il fascino della tradizione Capitolina, respirando l’atmosfera conferita dalle caratteristiche trattorie e dai musei.

Di professione neurologo, il nostro Cesarino dedica alla cucina gran parte del tempo libero. La passione per i fornelli l’ha ereditata dai nonni, che fin dall’infanzia gli hanno raccontato i segreti della buona tavola, coinvolgendo nella preparazione dei piatti della tradizione giudaico-romanesca. Ricette squisite, arricchite anche con ingredienti e accostamenti tipici della cultura viterbese, portati invece dalla mamma Rosalba.

Il segreto della Cesarina
Amo creare accostamenti unici, in grado di esaltare i sapori, ma sempre nel solco della tradizione.

QUI MAPPA

I nostri clienti dicono

"E' stata una delle migliori esperienze a Bologna. Gianni e Lorenza sono una coppia che ha viaggiato molto, più o meno della nostra età e molto di intrattenimento. Parlavano inglese perfettamente avendo vissuto in Canada per diversi anni. Gianni ci ha insegnato a prepare i tortellini che poi abbiamo mangiato a pranzo. Gianni è un ottimo cuoco e tutto il pranzo è stato eccellente. La casa è situata in un palazzo medievale che vale la pena vedere. Ci siamo davvero divertiti."

J. Bliss

"La nostra cena con Angela è stata una delle migliori esperienze avute a Roma. Il cibo era fantastico, ed è stato un piacere parlare di ricette, di vita quotidiana, di lavoro e tante altre cose con Angela e sua madre. Questa esperienza sarebbe stata impossibile senza Le Cesarine!"

D. White

"Un pranzo fantstico con Tania (30 minuti dal centro di Bologna). Ci ha ospitato in modo ottimo ed era veramente incantevole. Abbiamo apprezzato molto il suo corso tradizionale (antipasti,strozzapretti con salsiccia, brasato al limone) talmente tanto che la raccomanderemo di sicuro. L'atmosfera era rilassata ed è stato semplice guidare fino alla sua casa. Torneremo!"

J. Hüsser